· 

EVOLUZIONE VENDITA COSMETICI

 

I cosmetici... Sono i mezzi  tramite cui una donna si cura, esalta i suoi pregi, nasconde i suoi difetti e che la aiutano a sentirsi più bella, più a suo agio.

Per alcune sono una componente fondamentale della cura di sé stesse, per altre un accessorio da usare in occasioni speciali.

Come tante altre cose, sono un fenomeno di costume, la cui vendita e diffusione ha subito numerose variazioni nel tempo, complici la moda ed il periodo storico in cui essi venivano utilizzati. Ma come sono cambiati questi nostri preziosi alleati nel corso degli anni?

Il make-up come lo conosciamo oggi nacque in concomitanza con lo svolgersi della prima guerra mondiale, da questo periodo in avanti infatti il trucco venne utilizzato non solo per correggere eventuali difetti,  ma per puro piacere personale. In questi anni, una svolta epocale:  madamoiselle Chanel lanciò la moda dell’abbronzatura, superando il tabù della carnagione pallida per le signore aristocratiche o alto-borghesi;

nacquero così i primi fondotinta colorati. Il primo passo lo compie Shiseido, lanciando una polvere color carne, in contrapposizione alle classiche polveri bianche.

Più in generale, lo stile di trucco è sintetizzato dalla bocca colorata a forma di cuore all’interno di contorni naturali, che andavano neutralizzati dal fondotinta.

E’ di pochi anni dopo ,inizialmente solo per l’industria del cinema, l’invenzione (di Max Factor) di un cerone in crema di 12 sfumature diverse per meglio adattarsi al colore dell’incarnato.

Con un piccolo salto in avanti, arriviamo così agli anni 50,quando il make-up subisce una profonda rivoluzione, con una vera e propria esplosione di colore, favorita anche dall’ottimismo post bellico. La donna diventò il simbolo della moglie e della madre perfetta, perfezione che deve rispecchiarsi anche nella pelle.

Diventa quindi un must l’uniformità dell’incarnato, bianco d’inverno e dorato d’estate. Di quegli anni il boom delle  vendite porta a porta, inaugurate da Avon.

Negli anni ‘60 le esigenze delle donna mutarono di nuovo,in conseguenza dei cambiamenti nel loro stile di vita e,quando la forza lavoro iniziò ad essere composta anche dall’universo femminile,si manifestò la necessità di prodotti più veloci da stendere e semplici da applicare.Si affacciarono al mercato fondotinta più leggeri e consistenze gel per non ostruire i pori.Il make-up prese esempio dalle icone del cinema di quegli anni e il look adolescenziale diventò tendenza.

Arrivò quindi il decennio dell’emancipazione,le donne rifiutano il rossetto e il mascara,l’eyeliner bianco o blu pallido diventò popolare,così come i colori perlati.Per la secchezza del viso nacquero le prime creme emollienti e per le vacanze al mare le prime creme solari.

Gli ingredienti usati per questi primi cosmetici sono vegetali ma,in breve tempo,la crescente industria del petrolio fornisce a basso costo derivati minerali come olio di vaselina e paraffina.

Il tempo che le donne passano fuori casa,per lavoro e per svago,aumenta sempre di più quindi una nuova esigenza fa capolino nel mondo della cosmesi:la lunga durata.

Vengono quindi sviluppati i primi prodotti idrorepellenti,capaci di resistere a sudore e a traspirazione cutanea.

Negli anni ’80 il trucco è pesante,accentuato,gli occhi drammatici e scuri,truccati con eyeliner e ombretti brillanti prevalentemente nelle tonalità blu,viola e verde.Sono stati anni in cui i must erano la qualità del prodotto e la sua capacità di assicurare un risutato impeccabile a lungo nel tempo.

Dal Giappone arrivarono nuovi prodotti con attività seboregolatrice,che promettevano alle donne di liberarle dal problema della lucidità e dal fondotinta che “non tiene”.

Diventò di moda il colorito abbronzato,simbolo di vacanze e quindi di benessere economico,si sviluppò così l’utilizzo di terre e blush,tranne che nei paesi asiatici dove rimase salda la convinzione che la pelle chiara fosse simbolo di maggior benessere.

Nel decennio successivo la crisi economica e la generale incertezza per il futuro fecero crollare l’idea di prosperità che contraddistinse  gli anni ’80;la parola d’ordine divenne quindi “togliere”,nella moda e nel make-up i colori non sono più accesi,i gioielli non sono più appariscenti,i tacchi non sono più vertiginosi.

Si assiste quindi ad un ritorno del natural look,la pelle appare più pulita,vestita di fondotinta più leggeri che incarnano perfettamente il concetto di “trucco che cura la pelle”.

Sono infatti di questi anni i primi lanci di prodotti di make-up che vantano precise funzioni cosmetiche,grazie all’inserimento in formula di principi attivi mirati e performanti,primo tra tutti l’acido ialuronico.

Con l’avvento del nuovo millennio il make-up diventa sempre più naturale,anche nell’utilizzo delle materie prime,un grande successo lo riscuotono ad esempio i fondotinta minerali formulati con polveri di origine naturale che garantiscono una grande compatibilità con la pelle.

Un altro trend che ha segnato l’inizio degli anni 2000 è l’avvento delle formule mousse,questi prodotti hanno focalizzato l’attenzione della consumatrice non solo sull’effetto finale ma anche sulla sensorialità durante l’utilizzo del prodotto stesso.

E oggi?quali sono le ultime frontiere ella cosmesi e del make-up?

Il trend dei prodotti viso viene senza dubbio dettato dalla Corea,con prodotti che rafforzano il concetto di cosmesi curativa.L’ispirazione del trucco è sempre più influenzata dal mondo della skin care,cambiano le texture,diventando sempre più fluide,fino ad arrivare alle formule bifasiche.

Diventa sempre più importante che il cosmetico sia sostenibile,rispettoso dell’ambiente ma allo stesso tempo altamente performante,a prova di selfie.

Prendono piede anche i cosmetici vegan e quelli formulati appositamente per pelli problematiche,reattive,sensibili.

Cambia anche il modo di acquistare questi nuovi cosmetici,se in passato infatti l’utente si recava in profumeria per testare,provare,odorare,e,perché no,chiedere un consiglio,il consumatore di oggi è più informato,legge gli INCI ed è,in generale più consapevole di quello di cui ha bisogno.

Prende sempre più piede quindi la vendita online,dove shop multi o monomarca propongono le loro sempre più accattivanti creazioni.

Come abbiamo visto il mondo della cosmesi e del make-up è in costante evoluzione,seguendo i bisogni dell’utilizzatore finale,chissà quindi quali saranno le prossime innovazioni,che porteranno a prodotti sempre più performanti e pensati per ogni esigenza!

Valentina 

 

Scrivi commento

Commenti: 0