· 

Come riutilizzare i Cosmetici

Quando qualcuno ha intenzione di abbandonare la cosmesi classica per passare al mondo dell’ecobio, uno dei dubbi che si trova ad affrontare è il seguente: “Che ne faccio adesso di tutti i miei vecchi cosmetici e di tutti i miei prodotti di make up?”

Capita spesso che scegliendo di passare alla cosmesi biologica, si accumulino nei nostri cassetti e nelle mensole dei nostri bagni quantità disumane di vecchi prodotti chimici che non vogliamo più usare per la nostra pelle o per i nostri capelli. Sicuramente decidere di gettare flaconi ancora pieni di prodotto è decisamente uno spreco ed un affronto alla miseria, motivo per cui è bene ingegnarsi per trovare un uso alternativo a questi, e dare quindi nuova vita ai vecchi prodotti di bellezza che non utilizzeremo più. Oggi mi propongo di aiutarti in questa piccola impresa e di offrirti alcuni spunti che ti permetteranno di evitare gli sprechi per un passaggio alla biocosmesi senza sensi di colpa!

BALSAMO:

Se ti ritrovi con un flacone di balsamo che hai deciso di non utilizzare sui tuoi capelli, puoi comunque sfruttarlo per svariati usi.

Sapevi ad esempio che aggiungendo un po' di balsamo in una bottiglia d'acqua insieme ad un cucchiaio di bicarbonato, puoi utilizzare il composto ottenuto per spruzzarlo su tende, divani e tapezzeria,così da donare a questi freschezza e profumazione?? O ancora puoi utilizzare il balsamo per lucidare le superfici metalliche, sbloccare cerniere che non scorrono più a dovere e lubrificare porte cigolanti. Altro “secondo uso” (probabilmente maggiormente conosciuto) del balsamo è quello di farlo diventare un ottimo ammorbidente per i tuoi capi, da aggiungere dopo il classico detersivo per indumenti. Lo stesso vale per aiutarti a ridare forma alle fibre infeltrite di un maglione di lana.

SHAMPOO:

Il tuo shampoo abituale è troppo aggressivo per i tuoi capelli e ti sei decisa a provare uno shampoo ecobio? Nessun problema! Se anche tu come me sei un’amante del make up , ti ritroverai certamente con decine e decine di pennelli che necessitano di essere lavati. E’ l’occasione giusta per ridare una possibilità al tuo vecchio shampoo. Basta una goccia di prodotto per terminare il lavaggio e far tornare i tuoi pennelli come nuovi!

MASCARA:

Se hai deciso di abbandonare i mascara siliconi, dall'effetto molto "wow" ma decisamente nocivi, utilizza il contenuto per colorare delle scarpe nere scolorite e non gettare lo scovolino! Dopo averlo lavato accuratamente infatti, potrai utilizzarlo per pettinare le tue sopracciglia o per un altro mascara bio di cui non ami l'applicatore.

LATTE DETERGENTE:

Il latte detergente da ottimi risultati per pulire la pelle.... ma non solo quella del tuo viso! Potrai riutilizzare infatti il resto del tuo detergente per pulire divani o abbigliamento in pelle, semplicemente strofinando gli oggetti con un panno insieme ad un po' di prodotto.

OLIO CORPO:

Lo sapevi che l'olio corpo può diventare un ottimo trattamento di bellezza per i tuoi mobili in legno? Per lucidarli infatti e ridare vita a superfici legnose ormai "spente ed invecchiate" dal tempo, basta strofinare con un batuffolo di cotone impregnato di prodotto. Ad azione terminata, concludi passando un panno morbido asciutto.

SALVIETTE STRUCCANTI:

Queste diventeranno ottime sostitute dei comuni panni elettrostatici che utilizziamo per spolverare, svolgendo il loro lavoro in maniera addirittura superiore rispetto ai primi! Le salviette struccanti infatti sono notoriamente imbevute (più o meno) di detergente, ingrediente quest’ultimo che ci permetterà di pulire più a fondo le nostre superfici non soltanto eliminando la polvere, ma anche sgrassando la zona che ci interessa pulire. Altro uso potrebbe essere quello di utilizzare le salviette solo per la pulizia delle mani fuori di casa. Un’altra idea? Usale per pulire le zampette del tuo cane al rientro da una passeggiata magari dopo una giornata di pioggia! Lui potrà scorazzare felice e tu non dovrai preoccuparti di ritrovare le sue impronte per tutta la casa.

DEODORANTE SPRAY:

Indubbiamente uno dei cosmetici più pericolosi per la nostra pelle è un deodorante spray non biologico. Questo perché è un prodotto che una volta applicato non viene più risciacquato, permanendo a contatto con la nostra pelle anche per svariate ore, e permettendo così alle sostanze nocive presenti di essere assorbite soprattutto a livello del tessuto mammario. Gettarlo nell’immondizia? No, utilizziamolo piuttosto come deodorante contro i cattivi odori delle nostre scarpe, magari dopo aver lasciato al loro interno un sacchetto con un po' di bicarbonato che ne potenzierà l’effetto.

SMALTO:

Anche le nostre unghie meritano una cura scrupolosa, e per farlo è bene prediligire smalti che siano almeno “5free” ovvero privi di alcune sostanze tossiche comunemente contenute in questo genere di prodotti. Stiamo parlando di Formaldeide, resina di formaldeide, canfora, toluene e Dbp. Cosa faremo dei vecchi smalti nocivi già acquistati? Innanzitutto potremo utilizzarli per colorare le nostre chiavi, destinando ad ognuna di esse un colore diverso così da non confonderci. Altro utilizzo è quello di sfruttare lo smalto come “antiruggine”. Applicato infatti preventivamente su oggetti metallici predisposti ad arruginirsi, eviteremo questo fastidioso ed anti estetico inconveniente. Altra chicca (che però riguarda esclusivamente le basi trasparenti o top coat), è quella di portare sempre in borsa una boccetta con dello smalto trasparente, che ci servirà come istantaneo alleato nel caso dei collant si dovessero sfilare in momenti poco opportuni. Basterà quindi applicare con il pennellino un velo di prodotto e lo strappo non proseguirà oltre.

OMBRETTI:

Da bambina amavo molto dipingere, e ricordo che andavo alla spasmodica ricerca di tavolozze di colori con le quali dare sfogo alla mia fantasia. Se avete dei bimbi questa potrebbe essere una buona soluzione per non gettare gli ombretti che avete deciso di non utilizzare più. Basterà staccare le cialdine di ombretto dalle vostre palette (che invece troverete già bella e pronta se si tratta di ombretti in refill) e applicarle su un semplice pezzo di compensato sottile o anche un comunissimo cartone (va benissimo il coperchio delle scatole per le scarpe). I vostri bimbi dovranno semplicemente intingere il pennellino (che anche in questo caso, potrete tranquillamente riciclare utilizzando o un pennello da sfumatura o uno per le labbra) in un po' d’acqua e prelevare il colore dai vari ombretti a loro disposizione. Il gioco è fatto! Avremo tanti piccoli Van Gogh all’opera che si divertiranno come matti.

Questi sono i miei piccoli suggerimenti per darti una mano a riciclare i cosmetici e il make up che non intendi più utilizzare nella tua beauty routine. Personalmente li ho messi in pratica quando anni fa ho abbandonato la cosmesi classica per “votarmi” completamente a quella biologica, ma non ti nascondo che alcuni piccoli trucchetti li utilizzo ancora adesso pur non avendo più in casa cosmetici da riciclare (vedi il suggerimento dello smalto trasparente per i collant, quello dell’olio per i mobili in legno o il deodorante per tessuti fatto con il balsamo!). Spero che questo mio articolo ti sia stato utile e qualora avessi delle dritte da “riciclo cosmetico” da suggerire, non esitare a commentare! Avere qualche idea in più non fa mai male.

Alla prossima!

Anna

Scrivi commento

Commenti: 2
  • #1

    Silvia (lunedì, 20 maggio 2019 16:50)

    Questo articolo è bellissimo! Complimenti per le idee, alcune le conoscevo già ma altre sono davvero geniali!

  • #2

    Anna Gloria (martedì, 21 maggio 2019 15:26)

    Grazie mille Silvia � sono felicissima che il mio articolo ti sia stato utile �