· 

Selfie Like a Pro! La guida (the ultimate) al selfie perfetto…secondo me!

 

Confessiamocelo: siamo, ormai, parte attiva del “selfie movement”, quel movimento culturale che vede coinvolti tutti i possessori di smartphone (con fotocamere varie incorporate) che amano scattarsi da soli foto- spesso in primo piano-da condividere sui social.

Movimento, sì, perché nella parola stessa (e qui i miei studi universitari si fanno arrogantemente avanti) è insito il concetto di “rivoluzione”. Stufi degli amici che ci scattavano foto indecenti ed improponibili abbiamo ben pensato di scattarcele da soli perché, come recita un vecchio adagio: “chi fa da sé fa per tre!”

L’improvvisazione, però, non è ammessa, non, soprattutto, quando la foto in questione va caricata sui nostri social e siamo a caccia di tanti cuoricini o like. C’è chi,poi, ne ha fatto una vera e propria arte. E qui cito un personaggio che, su tutti, è la regina indiscussa dei selfie: Kim Kardashian. Famosissima e molto seguita sui suoi social ha stilato un decalogo per il selfie perfetto che non può prescindere da: cellulare con buona fotocamera; specchio grande e luci adeguate. A queste si potrebbe aggiungere una “risorsa umana”, denominata assistente al selfie…ma su questo sorvolerei.

Noi “comuni mortali” come possiamo nascondere i nostri difetti per pubblicare il selfie perfetto? Partiamo da pochi e semplici passaggi per ottenere una base viso flawless. Non si può prescindere da una corretta beauty routine mattutina e serale che coccoli la nostra pelle (e su questo vi invito a leggere i vari articoli sul blog dedicati a detersione etc) e ci aiuti ad ottenere una grana affinata, con i pori ridotti o poco evidenti. Altro nostro alleato è il primer: base neutra o con toni capaci di neutralizzare i rossori o le aree scure. Otterremo una buona base di partenza e prolungheremo la durata del trucco. Successivo passaggio fondamentale è quello del fondotinta: sceglietelo sempre del colore adatto, che si fonda perfettamente con l’incarnato e con la cui formulazione sia affine alla tipologia di pelle. Che sia in crema, fluido, compatto o in polvere associatelo ad un corretto tool per la sua stesura (pennello, beauty blender, la classica spugnetta) di modo da non avere effetti poco naturali e troppo costruiti.

Sopracciglia ben disegnate e makeup a prova di luci non possono che essere il giusto completamento. Tutto qui?! No no,anzi!

Vi ricordate la regina dei selfie?! È anche la regina della tecnica più usata sui set fotografici (e solo su quelli, mi raccomando!) per ottenere l’ovale perfetto: il contouring! Detto anche shaping o sculpting è una famosa tecnica che gioca sui chiaroscuri di modo da enfatizzare i punti di forza del viso e nasconderne i piccoli difetti. Ad ogni tipologia di viso corrisponde una specifica tecnica di contouring. Vi lascio un piccolo esempio:

 

 

 

Con questa tecnica, ciò che porterete alla luce si enfatizzerà e ciò che tratterete con i colori scuri sarà nascosto: uno zigomo potrà risultare più alto, un ovale meno spigoloso o rotondo, un naso più corto o meno ampio. Esistono, ovviamente, prodotti specifici dedicati al contouring: palette, pennelli, stick. Dal momento che si tratta di stratificazioni vi consiglio di tenere a mente la famosa regola che le polveri vanno con le polveri e le creme vanno con le creme…

 

Direi che siete pronte, facciamo un check: cellulare alla mano, trucco “selfieproof “e…ricordate che, a meno che non siate fan di Victoria Beckham e del suo famoso broncio, il segreto per rendere il vostro viso davvero bello e luminoso è solo uno: il sorriso! Cheese!  

Susanna

Scrivi commento

Commenti: 2
  • #1

    Rossella (giovedì, 16 maggio 2019 17:39)

    Forse é la volta buona che imparo a farmi selfie decenti!!! Grazie per questo articolo :)*!!

  • #2

    Eli (domenica, 19 maggio 2019 10:52)

    Articolo molto carino!Decisamente al passo con i tempi!