· 

Maschera e Balsamo, tutti gli errori da non commettere Mai

COSA SONO?

Sia il balsamo che la maschera vengono chiamati “condizionante per capelli”.

Il condizionante è quel prodotto per la cura dei capelli utilizzato per migliorarne l'aspetto, la brillantezza, la pettinabilità, la lubrificazione, la resistenza e l’impermeabilizzazione, il tutto riducendo contemporaneamente, se possibile, l'elettricità statica e “domando” crespo e gonfiore. L'uso di un condizionante si rivela necessario in seguito alla perdita di lipidi, dunque in particolare il sebo rimosso dal lavaggio. Altra funzione che svolge il condizionante, grazie al suo pH acido, è aumentare  l'aderenza della cuticola al fusto e mantenere la giusta struttura a strati sovrapposti favorendo la maneggevolezza del capello. Aiuta a prevenire la formazione di doppie punte e a mantenere i capelli integri e in salute.

DIFFERENZA FRA BALSAMO E MASCHERA(?)

Ricordiamo che maschera e balsamo sono la stessa cosa: hanno la medesima formulazione di base, svolgono le stesse funzioni (idratano e nutrono il capello disciplinandolo), ed hanno entrambi ph acido per chiudere le cuticole del capello rendendolo lucido.

Balsamo viene tradotto in inglese come “conditioner” (condizionante), mentre la maschera per capelli prende il nome “deep conditioner” (condizionante profondo). Viene dunque chiamato "profondo" un condizionante che presenta più ingredienti funzionali, che agisce “in profondità” e per tempi più lunghi. Di fatto però si tratta comunque dello stesso prodotto, il conditioner, che nella nostra lingua a seconda se profondo o istantaneo prende due nomi diversi.

L’unica differenza che può esservi tra un balsamo “istantaneo” (conditioner) ed uno “profondo” (deep conditioner) dipende quindi dalla concentrazione di principi attivi dello stesso, cui consegue il tempo di applicazione. Il condizionante profondo, la maschera quindi, è più corposo e ricco di principi attivi, può quindi essere applicato sia prima che dopo lo shampoo per essere tenuto in posa dai 20 ai 30 minuti. Il condizionante istantaneo, il balsamo, invece, viene normalmente applicato dopo lo shampoo e risciacquato poco dopo, questo perché più povero di principi attivi. Attenzione però, non sempre è così. Esistono in commercio balsami (quindi teoricamente condizionanti istantanei) fin troppo ricchi di attivi per essere utilizzati dopo lo shampoo o risciacquati quasi nell’immediato e maschere (quindi teoricamente condizionanti profondi) quasi prive per essere considerata tali, ovvero le cosiddette “maschere vuote”. Spesso -più diffusamente fra i prodotti accettabili- la definizione “maschera” (quindi condizionante profondo) viene data ad un prodotto cui sono presenti pochi principi attivi -alla pari o meno di un balsamo comune- per incentivare le vendite.

Una trovata marketing per invogliarvi a comprare un prodotto piuttosto che un altro.

Per avere consapevolezza di ciò che stiamo comprando occorre perciò dare sempre un’occhiata alla lista degli ingredienti (INCI) evitando di affidarsi alla sola dicitura del prodotto, che, come abbiamo visto, potrebbe essere ingannevole.

COME SCEGLIERE BALSAMO E MASCHERA?

Come abbiamo appena appurato maschera e balsamo sono lo stesso prodotto, il condizionante, possono poi essere distinti in più o meno ricchi di principi attivi. La scelta di uno o dell’altro è consapevole se fatta consultando l’INCI dei prodotti.

Esistono infatti capelli che necessitano di un condizionante ricco di attivi per poter essere domati e risplendere, mentre altri richiedono un prodotto più leggero. Capelli molto rovinati potrebbero richiedere l’uso di condizionanti profondi (generalmente maschere), per poter essere gestiti, come anche i capelli con troppo volume, quasi sempre i capelli ricci, per esempio, necessitano di un trattamento più profondo per essere domati, mentre invece capelli che tendono ad appesantirsi, come i capelli lisci e sottili, dovrebbero prediligere balsami, o comunque prodotti poco corposi che mantengano la chioma leggera. In genere i capelli crespi e secchi dovrebbero orientarsi su prodotti che contengano ingredienti idratanti (profondi o istantanei, secondo le proprie esigenze), capelli rovinati dovrebbero trovare prodotti che contengano ingredienti nutrienti, idratanti e i cosiddetti “ricostruenti” (ricordando che l’unica soluzione a capelli rovinati, con doppie punte o tinti sono le forbici). Oltre ad imparare ad orientarsi nella scelta della tipologia del prodotto è bene anche imparare a conoscere le sostanze che più piacciono ai nostri capelli, fra i più importanti i principi attivi e gli ingredienti “districanti” (chiamati anche condizionanti).

COME USARE BALSAMO E MASCHERA?

Maschera e balsamo possono essere usati entrambi come condizionante per capelli dopo il lavaggio (il tempo di posa varia in base alla formulazione del prodotto ed alle esigenze dei capelli), la maschera invece (ma anche un balsamo ricco) può essere usata anche come impacco, pre o post shampoo. Sia il balsamo che la maschera possono essere usati come base impacco per le nutrizioni e ricostruzioni, sono invece sconsigliati nella pastella di erbe poiché avendo di solito una base grassa (oli e/o burri) potrebbero comprometterne la resa, ma possono essere utilizzati in combinazione all'henné per creare la famosa Sherazade!

Una cosa che non tutti sanno è che anche nel balsamo sono presenti dei tensioattivi, quindi un altro utilizzo che ne possiamo fare riguarda la preparazione del cowash. Per questo lavaggio alternativo si tende a prediligere balsami non eccessivamente ricchi di principi attivi e più economici (ma pur sempre eco-bio o accettabili) poiché la loro azione in quel caso è quella di pulire la cute senza ungerla e/o appesantirla. Possiamo dunque affermare che, in linea di massima, balsamo e maschera svolgono le stesse funzioni, ma non per questo per i nostri capelli l’applicazione di uno o l’altro è indifferente.

Una cosa è però certa:

APPLICARE IN UNO STESSO LAVAGGIO SIA BALSAMO CHE MASCHERA E' TOTALMENTE INUTILE PER I NOSTRI CAPELLI ED È UNO SPRECO DI PRODOTTO.

Diffidate dunque da chi vi dice che la maschera chiude le squame del capello e quindi va applicata dopo il balsamo, che il balsamo si appoggia solo sul capello senza penetrarlo appesantendolo o qualunque altra trovata commerciale che potrebbero inventarsi.

La verità è questa: la formulazione e il ph sono gli stessi, cambia solo la concentrazione di principi attivi presenti (non sempre una maschera è più ricca di un balsamo, quindi bisogna sempre controllare l’INCI).

Spero che i miti più comuni e, purtroppo, diffusi, siano stati sfatati e che i vostri

acquisti possano essere soddisfacenti e consapevoli.

Antonia

Scrivi commento

Commenti: 1
  • #1

    Erykahbabe71 (martedì, 09 aprile 2019 22:37)

    Grazie mille per aver fatto chiarezza su questa fase del trattamento capelli!