· 

Piedi secchi e ruvidi? Ecco le nostre soluzioni!

Le impronte di piedi sono le più antiche ritrovate, mentre quelle delle mani sono molto più recenti; ma perché, se gli uomini nell’antichità hanno attribuito loro così tanta importanza, noi spesso ce ne dimentichiamo?

Questa parte del nostro corpo può essere considerata come le radici degli alberi: crescono con noi nella fase dello sviluppo, ci sostengono e ci permettono di muoverci e ci danno la possibilità di trovare il nostro legame con la Terra quando camminiamo scalzi per spiagge dorate o montagne verdeggianti. Sono questi i motivi per cui ognuno dovrebbe prendersene cura. I dubbi, però, sorgono spontanei: come si fa? Che step comprende una buona routine di cura dei nostri piedi?

Iniziamo con la consapevolezza che questi nostri sostegni vengono messi alla prova ogni giorno: come introdotto nell’incipit sono una parte fondamentale del nostro apparato motorio, ciò vuol dire che anche semplicemente con una camminata sostengono uno sforzo (minore se la camminata è corta e lenta, maggiore con l’aumentare della lunghezza e della velocità). Gli atleti e le persone a cui piace tenersi in forma dovrebbero infatti prendersi un momento dopo l’allenamento e coccolarsi un po’ tenendo conto della parte del loro corpo che ha permesso salti, corse e il sollevamento di carichi. Ebbene sì, anche i pesi eccessivi sarebbero da evitare, perciò dovrebbero prestare attenzione anche i lavoratori che svolgono questa azione quotidianamente.

Detto ciò possiamo distinguere dei rituali da svolgere ogni giorno e altri che invece possono essere svolti settimanalmente.

La detersione è un passaggio fondamentale da realizzare ogni giorno con particolare attenzione ad alcuni dettagli. Questo step può essere svolto con un sapone che rispetti il ph del nostro corpo oppure semplicemente con una spugnetta e l’acqua che deve essere tiepida: né troppo calda, né troppo fredda per non rischiare di rendere inutile questo momento. Durante il lavaggio bisogna prestare particolare attenzione alle dita poiché tra di esse si annida la maggior parte dello sporco presente sui piedi, dovuto alle calze e al sudore. Questo rituale è finalizzato con un’attenta asciugatura, poiché se la pelle resta troppo umida c’è il rischio della formazione di funghi o infezioni.

Nella routine quotidiana sarebbe bene inoltre ispezionare i nostri piedi. Quante volte ci sorprendiamo davanti allo specchio prima o dopo la doccia a controllare i risultati della dieta o i cambiamenti dopo un pranzo troppo abbondante? Questa abitudine dovrebbe comprendere anche l’argomento principale del nostro articolo, per individuare lesioni, rossori, calli o vesciche. Nel caso si individui uno di questi problemi è sconsigliato l’uso di prodotti callifughi o pietra pomice che rischiano solo di aggravare la situazione, è invece consigliato rivolgersi a un bravo podologo che saprà inquadrare la gravità del problema e aiutare nel migliore dei modi a risolverlo.

Settimanalmente sarebbe buona abitudine fare pediluvi, ottimi per idratare e mantenere in salute i piedi. All’acqua tiepida possiamo aggiungere sale o oli essenziali, particolarmente indicati per chi ha problemi di odore forte e anche per chi vorrebbe ritagliarsi un momento di relax. Passare una spugnetta delicatamente sulla pelle aiuterà inoltre ad aiutare il rinnovo cellulare per mantenere la pelle morbida al tatto.

Ultimo passaggio, ma non meno importante degli altri, è ovviamente una buona crema per i piedi da applicare dopo la detersione. I prodotti più consigliati sono quelli che contengono sostanze lenitive come aloe vera e calendula e personalmente amo la posa con burro di karitè che applico la sera prima di andare a dormire: la mattina i piedi sono perfettamente nutriti! Per di più, per chi sposa uno stile di vita senza sprechi, è interessante il riciclo di creme per mani/viso/ corpo sui piedi, a volte con ottimi risultati rispetto a quelli ottenuti con l’uso originario.

Per concludere un consiglio che potrebbe essere considerato banale, ma che non lo è, è quello di prestare molta attenzione alle calzature che devono essere della misura giusta e possibilmente traspiranti, con predilezione di calze di cotone. Ricordiamoci che passiamo la maggior parte del tempo con le scarpe addosso, non torturiamoci sempre in nome della moda, ma cerchiamo di prediligere la comodità e il gusto personale.

Con queste basi della “foot care”, se così la possiamo denominare copiando sua sorella “skin care”, avrete dei piedi da ammirare ogni volta che azzarderete con un tacco oppure quando passeggerete quest’estate sulla spiaggia. I consigli per fare invidia li avete letti, non vi resta altro che provare tutto e godervi i complimenti!

Fonte di alcuni spunti: www.cure-naturali.it/salute-naturale/2811/cura-quotidiana-dei-piedi/9404/a

Maddy

Scrivi commento

Commenti: 0