· 

Smalti e bio, due realtà inconciliabili?

Salve ragazze, oggi vi parlo di Smalti!

 

Sento moltissime ragazze dirmi che non riescono a trovare smalti Biologici o per lo meno con INCI accettabili e che le soddisfino. Bé, io ne ho trovati!!

 

 PERCHE’ GLI SMALTI BIO?

Partiamo spiegando brevemente perché è importantissimo cercare smalti con un buon inci.

Gli smalti vengono applicati sulle unghie (sempre considerando che spesso ci sporchiamo il contorno dell’unghia e quindi entrano anche a contatto con la pelle e quindi i prodotti tossici contenuti possono andare in circolo), ma vengono anche respirati.

 

Per quanto riguarda il contatto con la pelle, sono sotto accusa gli ftalati (pare danneggino l’apparato riproduttivo) e TPHP (pare che venga ritrovato in maggiori quantità nell’urina dopo l’applicazione dello smalto) [Fonte: https://www.greenme.it/consumare/cosmesi/18036-smalto-unghie-pericoloso].

Questo articolo fa riferimento a sua volta a questo studio americano della EWG: https://www.ewg.org/research/nailed/nail-polish-chemical-doubles-furniture-fire-retardant#.WhRxVxP9TEY.

 

Per quanto riguarda invece l’inalazione, “Alcuni ingredienti impiegati nei prodotti per le unghie sono stati legati a cancroabortimalattie polmonari e altri disturbi” [fonte: https://www.greenme.it/consumare/cosmesi/16502-il-tuo-smalto-tossico].

Diverse ricerche sono in corso, ma ovviamente ogni smalto ha una composizione differente e gli studi epidemiologici in merito non sono così semplici.

 

Per il momento sono stati evidenziati TRE SOSTANZE TOSSICHE (sempre secondo l’articolo di cui sopra):

1.      Toluene: “secondo l'Environmental Protection Agency la sovraesposizione al toulente può provocare irritazione agli occhi e al naso, stanchezza, debolezza, stato di confusione, vertigine, mal di testa, ansia, affaticamento muscolare, incapacità di dormire, intorpidimento, eruzioni cutanee, danni al fegato e ai reni nei casi più gravi e non solo.

2.      Dibutilftalato DBP: l'Unione Europea lo ha vietato nel 2003 e può provocare irritazione agli occhi e al naso, allo stomaco e all'apparato respiratorio; l'esposizione prolungata e ad altre concentrazioni può essere pericolosa per la riproduzione umana e per lo sviluppo, secondo l'EPA.

3.      Formaldeide: la formaldeide può causare irritazioni ed eruzioni cutanee. E’ vietata in europa dal 2016, ma non per questo non si trova già più nei cosmetici.

 

 

Su My personal trainer [qui: http://www.my-personaltrainer.it/benessere/smalto-per-unghie.html] sono citati gli stessi 3 ingredienti.

 

La formaldeide, inoltre, è classificata come cancerogeno di tipo 1 secondo la classifica IARC.

 

 

Insomma, una schifezza dietro l’altra.

 LE ALTERNATIVE BIO

 

 

 

 

Io non penso esista uno smalto 100% di origine naturale e con certificazioni, ma vi parlo dei 2 che ho avuto la possibilità di provare.

 

 

 

Gli smalti Avril

 

 

 

Sono smalti con 75% ingredienti naturali, non testati su animali, senza parabeni, formaldeide, ftalati, xilene, toluene, canfora, colofonia ed è vegan.

 

La gamma cromatica è vastissima, ci sono tantissimi colori disponibili.

 

La durata è ottima! Esiste anche il top coat e il top coat opaco che aumentano la durata.

 

La resa è favolosa, ottima coprenza e colori intensi.

 

 

 

Il costo è di 3 euro per 7 ml di prodotto.

 

Perché non provarli?

 

Sono anche carinissimi regali per Natale!

https://www.avril-bio.it/trucco-bio-e-naturale-non-testato-su-animali/624-smalto-naturale-marsala-3662217005673.html

Gli smalti Chogan.

Hanno anch’essi molti colori disponibili, meno rispetto ad Avril.

Sono 9 ml di prodotto e costano 6,50 euro.

Sono privi di formaldeide e toluene, senza parabeni e l’Inci è disponibile sul sito nella scheda tecnica:

https://www.chogangroup.com/product_detail.php?MTM1MA==

Sono smalti rinforzanti, arricchiti in calcio, non testati su animali.

 

Anche questi hanno una durata pazzesca e una intensità di colore ottima!

Queste sono solo 2 delle alternative, quelle che ho testato io e che vi consiglio.

Ma sul web trovate smalti di tantissimi brands da Benecos a Couleur Caramel (più costosini) e vale la pena provarli, smettendo di comprare le schifezze che ci hanno rifilato per anni, senza rimetterci nemmeno economicamente.

 

 

E voi che ne pensate? Avete provato qualche smalto meno nocivo?

 

 

 

Elle

Scrivi commento

Commenti: 0